I 5 tipi di frigo di uno studente universitario

I 5 tipi di frigo di uno studente universitario

I 5 tipi di frigo di uno studente univeritario

Finalmente torni a casa, dopo una lunga giornata di studio trascorsa in biblioteca. Una profonda sensazione di vuoto ti assale e capisci di aver dimenticato qualcosa. Improvvisamente, il tuo stomaco borbotta la triste verità: non hai fatto la spesa. Panico.
Corri al frigorifero: una tavoletta di burro, il prezzemolo (l’avevi comprato davvero?) e resti di una serata alcolica. Non resta che andare a fare la spesa e “riempire” con orgoglio quell’amico di sempre, quell’amico che dice qualcosa su di te o almeno sulle tue abitudini alimentari.

E allora scopriamo insieme quali sono le tipologie di frigo da studente indeciso:

1. Il frigo: “Ok il prezzo è giusto!”

È un frigo che si annoia a morte perché incontra sempre gli stessi tipi da una vita: tortellini/gnocchi (in versione economy e fast food); i sughi pronti (almeno uno); tutto ciò che era in offerta («potevo non prenderlo?»); un formaggio; un salume; una piadina (sì, proprio una).

2. Il frigo “Pesoforma”

Si avvicina la prova costume e non stiamo parlando di Carnevale. Non è ancora maggio, ma capisci di non riconoscerti più anche nell’altra persona che ti accompagna ogni mattina nello specchio del bagno. Così, decidi di dare una svolta ed ecco che il tuo frigo inizia a fare la zumba per te: insalata, verdure, frutta (in pratica, il tuo frigo è pieno e speri che a vederlo anche il tuo stomaco subisca lo stesso effetto); tacchino di soia (esiste davvero?); yogurt senza grassi, senza calorie, senza gusto, volendo pure senza yogurt; petto di pollo ai ferri accompagnato dagli stessi ferri.

Leggi anche “Studenti sotto esame: i cibi promossi e quelli bocciati”

3. Il frigo “Sotto-stress”

È un frigo che solitamente piange nella notte e cerca conforto dal vicino freezeer. Niente può consolarlo. Solo l’arrivo di quella data attesa, la data dell’esame. C’è chi racconta di aver visto magicamente comparire qualcosa su un suo ripiano, e chi invece, spinto dal bisogno, ha inventato nuove ricette dal nulla. E ancora, chi ha preso il telefono e ha ordinato una pizza.

4. Il frigo “Robbabbella”

È un frigo incantevole, nel senso che se lo apri subisci un incantesimo e inizi a parlare con un accento del Sud. Ebbene sì, è il frigo del fuorisede del Sud che ha appena ricevuto il suo pacco magico da casa. Conserve, soppressata, scamorza, mozzarelle, salsa della nonna, melanzane sott’olio, pasta fresca, peperoncini, formaggi, carne già impanata, limoni e tanta altra “robba bella” adornano il suo frigo!

5. Il frigo “Fiesta”

È il frigo più divertente di tutti. Non si presta a cene e pranzi, ma solo a festini o per meglio dire a dopo-festini. È quello riempito dagli amici, da amici di amici, venuti tutti alla tua mega festa la sera prima. Del resto, leggenda narra che sia nata così la pasta alla vodka.
Potremmo continuare la lista, ma preferiamo fermarci ai più gettonati!

E voi, che frigo siete?

Lucia Geremia

2 Comments

  1. Pingback: Prof da 30&Lode! – Gabriele Hakim (UniBo) [INTERVISTA] – Lo studente indeciso ai fornelli

  2. Pingback: "Matricole" in cucina? 6 consigli per farcela!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*