Credits to pixabay

La colazione dello studente: dolce o salata?

Non ci avevate mai pensato? Spesso l’equazione “Colazione = Buongiorno” viene data per scontata, in diversi la saltano, c’è chi per la fretta dopo il caffè preso al volo si mette a studiare o va a lezione. Poi però alle 9.30 iniziano i primi brontolii alla pancia, seguiti dal mal di testa e il bisogno di mettere qualcosa sotto i denti il prima possibile. Niente di più sbagliato! Si raccomanda di fare colazione da sempre, ma come per tante altre cose si fa finta di non aver sentito.

Ma oggi vi propongo delle colazioni così golose e leggere che non potrete più farne a meno e, soprattutto cercherò di raccontarvi perché questa “maledetta” colazione è così importante.
Piccola premessa, io mi considero una breakfast addicted per cui per me la colazione è il momento migliore della giornata, uno delle ragioni per cui esco dal piumone caldo e appoggio i piedi in quel freddo pavimento di marmo. Fare colazione è come prendersi cura di se, dedicarsi del tempo, fare il riscaldamento prima di una lunga giornata di fatiche. So che molte persone al mattino non hanno proprio fame. Piccolo consiglio? Un bicchiere di acqua tiepida e lo stomaco si aprirà rimettendosi in moto.

Ad ognuno il suo “Buongiorno” preferito

Abbiamo due tipi di colazione e due categorie di individui. C’è chi senza un dolce non riesce ad ingranare la marcia e chi non può fare a meno del salato. Dal punto di vista nutrizionale entrambi hanno i loro vantaggi e svantaggi, ma da buoni italiani non possiamo fare a meno di un dolcetto, o sbaglio? Beh io sicuramente sono italiana al 100% su questo aspetto.

Vediamo insieme i cibi perfetti per una buona colazione e quelli invece da togliere anche dalla dispensa.
Iniziamo escludendo pastarine, brioches ripiene confezionate, biscotti comperati con glasse, cioccolato o zuccheri aggiunti. Non sono sani, molto calorici e non ci forniscono la giusta quantità di zucchero per attivare corpo e cervello. E per noi studenti far partire il cervello è fondamentale, soprattutto in periodo esami! Dobbiamo preferire dolci fatti in casa quando possibile o abbinamenti perfetti. Per chi come me ama cucinare ecco qualche ricetta light, sana e homemade potrebbe fare al caso vostro.

Per chi ama la colazione dolce

Le crepes dolci al cacao (anche per celiaci):

Ingredienti:
– 2 cucchiai di farina di riso
– 1 cucchiaio di cacao amaro
– 1/2 cucchiaio di zucchero di canna
– acqua qb per rendere il composto omogeneo e abbastanza liquido.
Unire farina a cacao e zucchero e mescolare le polveri. Aggiungere l’acqua a filo fino a quando non otterrete un composto liscio, omogeneo, fluido, ma non troppo liquido. Scaldare una padella antiaderente e iniziare a preparare le crepes. Ottime mangiate con uno yogurt bianco e un pugno di frutta secca.

Ciambella all’acqua:

Ingredienti:
– 1 vasetto di yogurt
– 2 vasetti di zucchero di canna
– 1 vasetto di olio di semi (rimane più leggero e meno saporito rispetto a quello d’oliva)
– 3 vasetti di farina (io ne ho uso uno integrale e due per dolci)
– 1/2 vasetti di acqua
– 1 bustina di lievito
Mettere yogurt, olio e acqua in una ciotola, mescolare bene il tutto e unire poco alla volta farina, zucchero e lievito. Forno a 180° per 30 minuti. Da mangiare con un bicchiere di latte, magari vegetale, o una buona spremuta.

Per chi non ha voglia di cucinare, uno yogurt con un pugno di cereali, uno di frutta secca e frutta fresca sono un mix perfetto. Per quelli più golosi consiglio 3/4 fette biscottate con la marmellata che amate di più. E perché no il mitico abbinamento gallette + formaggio spalmabile + cacao o cascata di miele. Oppure un fresco e dolce frullato di frutta, meglio di stagione, con magari una spolverata di cannella (e non dimenticate un cubetto di ghiaccio per renderlo più spumoso).

E per i “salato-dipendenti”?

Mai provato una fetta di pane tostato con avocado? Ottimo. Nutriente, con grassi essenziali per l’organismo e molto goloso. O un super panino integrale con un velo di ricotta e i semi di sesamo, chia o lino davvero croccanti e deliziosi.

Insomma il mio slogan è «Colazione sempre e sempre nuova», per non stancarci mai.

 

Marika Lombardi
(Studentessa di Scienze della Nutrizione presso l’Università di Urbino)

One Comment

  1. Pingback: Pausa studio: 5 idee per lo spuntino perfetto

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*